acquistare casa risparmiando: scarica gratis la guida

Seleziona comune o provincia da questo elenco

oppure

Password dimenticata?

oppure

Come si partecipa alle aste immobiliari

Come si partecipa alle aste immobiliari

Dimorama

Condividi

Come si partecipa alle aste immobiliari?

Cosa si deve sapere per partecipare alle aste immobiliari?

Quali rischi e vantaggi ci sono quando si partecipa alle aste immobiliari

Quali sono i requisiti necessari se si partecipa alle aste immobiliari?

Quanto si spende quando si partecipa ad un’asta immobiliare?

Il mondo delle aste immobiliari è un mondo tutto da scoprire: migliaia di annunci, immobili da visitare, occasioni, rilanci, aggiudicazioni e grandi risparmi.

Vi è un “però”. E per chiarire questo “però” bisogna essere un po’ tecnici (ma solo un po’).

A norma dell’art. 2922 c.p.c. e ss. ed in relazione al Testo Unico delle Disposizioni legislative e regolamentari in materia edilizia D.P.R. 6 giugno 2001, n. 380 l’immobile viene venduto dal tribunale (cit): nello stato di fatto e di diritto in cui si trova, con tutte le eventuali pertinenze, accessioni, ragioni ed azioni, servitù attive e passive. La vendita avviene a corpo e non a misura ed eventuali differenze di misura non potranno dar luogo ad alcun risarcimento, indennità o riduzione del prezzo. La vendita forzata non è soggetta alle norme concernenti la garanzia per vizi o mancanza di qualità.

Sembra tremendo! Ma niente paura.

Basta saper studiare le carte ed essere accorti durante la visita, per capire bene quale immobile abbiamo davanti, sciogliere tutti i dubbi, ed avere certezza di fare un buon affare, per un immobile che al prezzo di mercato non ci saremmo potuti permettere!

Ma procediamo per punti.

Quali sono i requisiti necessari per partecipare alle aste immobiliari?

Importante è sapere che chiunque può partecipare ad un’asta, tranne il debitore. Chi partecipa dovrà presentare il proprio documento di identità, codice fiscale e versare una somma quale deposito (generalmente il 10-15% del prezzo base d’asta). Se partecipa una società dovrà presentare i documenti della società e partecipare tramite il proprio legale rappresentante.

L’asta potrà essere in presenza o telematica (per approfondimenti sulle aste telematiche vedi “aste telematiche: una occasione da non perdere per risparmiare”).

Quanto si spende quando si partecipa ad un’asta immobiliare?

Prima voce da considerare  riguarda l’acconto del 10% necessario per presentare l’offerta (che sia con assegno circolare o con bonifico a seconda delle modalità dall’asta).

Altro costo da sostenere è per il lavoro svolto dal tribunale e da tutti i soggetti coinvolti (Custode, Delegato, Commissionario, ecc). Questi costi variano, ed anche molto, in base al singolo Tribunale ed al tipo di asta: ogni singola asta richiede la vostra attenzione per la determinazione di questi costi, al fine di evitare costose e spiacevoli sorprese.

Non si devono dimenticare, tra i costi, le imposte (che è bene conoscere con esattezza prima di decidere se partecipare): che siano imposte di registro, catastali o IVA, devono essere ben conosciute.

C’è un costo che però tutti ignorano, ma che alla fine dei conti non è trascurabile: il costo di ricerca degli annunci, della visita agli immobili, dello studio delle carte, delle aste non aggiudicate … e delle giornate di permessi lavorativi che si devono richiedere, e che banalmente sono soldi. Per ogni asta che visiterete “a vuoto” perché non parteciperete (l’immobile è occupato, non si libera, è malconcio, è abusivo, eccetera) o che non aggiudicherete, vi sarà costata diverse ore di lavoro. Tenetene debitamente conto.
Noi abbiamo conteggiato questi costi, per saperne di più, puoi leggere questo articolo.

Quali rischi ci sono quando si partecipa alle aste immobiliari?


Se non aggiudichi non perdi nulla
, la somma versata come cauzione acconto viene restituita dal tribunale (alla conclusione dell’asta se in presenza con la restituzione dell’assegno, entro qualche giorno con il riaccredito della somma su conto corrente, se telematica). Avrai speso il tuo tempo.

Se aggiudichi avendo effettuato prima tutte le valutazioni  eviterai brutte sorprese costi nascosti ed imprevisti. Diversamente, se non hai fatto bene verifiche e relativi conteggi, potresti avere dei grattacapo: le imposte non le avevi conteggiate o sono più alte del previsto, devi pagare n. mila euro di condominio arretrato, le spese di procedura sono elevate, l’immobile non è a posto con il Catasto …

Come si partecipa alle aste immobiliari?

Vediamo a questo punto cosa si deve materialmente fare per partecipare ad una asta.

A seconda che sia una asta in presenza o sia telematica (l’asta si tiene on-line) le procedure cambiano.

Nel Per le aste in presenza si presenterà l’offerta cartacea in busta chiusa (leggete le carte per tutte le indicazioni, ogni asta è diversa dall’altra) materialmente presso lo studio del professionista incaricato (Notaio, Avvocato, Commercialista indicato dal Giudice). Attenzione l’offerta va depositata prima del giorno fissato per la vendita all’asta, leggete bene le carte. Il giorno prefissato per l’asta ci si presenta per partecipare.

Nel caso di asta telematica la cosa è decisamente più macchinosa. L’offerta va inviata telematicamente al tribunale, la documentazione da presentare e la procedura da seguire non sono semplici e l’errore è sempre dietro l’angolo. Basta una imprecisione e non potrete partecipare all’asta. Attenzione quindi. Il giorno dell’asta, la gara si svolgerà nell’aula virtuale dove tutti i partecipanti potranno effettuare i loro rilanci.

Per avere qualche notizia in più sulle aste telematiche potete leggere questo articolo.

Il giorno dell’asta è tutto semplice: aggiudica chi rilancia di più.

Si può pagare con mutuo?

Annosa questione.

Spesso le banche fanno intendere che non si occupano di aste .. oppure che il mutuo per l’asta sia cosa semplice o che il mutuo per l’asta funzioni esattamente come per il mutuo per l’acquisto di una casa venduta da privato o da società costruttrice. Niente di più inesatto.

La banca concederà il mutuo per l’acquisto di un immobile all’asta ove il richiedente abbia i requisiti, ma le procedure sono molto differenti.

Come hai visto gli aspetti da seguire e valutare non sono pochi e non sempre di immediata comprensione. Se non vuoi fare da solo o vuoi essere certo di azzerare il rischio, Dimorama attraverso il suo dipartimento “CentroAsteGiudiziarie” da oltre 12 anni opera nella assistenza per l’acquisto di immobili dalle aste giudiziarie con oltre 3.500 aste partecipate ogni anno.

Per una partecipazione informata e serena.


Condividi

Categorie

string(74) "https://www.dimorama.it/wp-content/uploads/2018/07/articoli_del_blog-9.jpg"

Complimenti, la tua ricerca è stata salvata!